Non-video e non-canzoni

Al di là di tutto il cancan mediatico che si è scatenato attorno a Lana Del Rey (che ha fatto un disco noiosetto ma con qualche canzone anche piacevole), devo confessare che sono rimasto molto favorevolmente colpito dal video della title-track”Born To Die”. Un video dove non succede assolutamente nulla, dove alla (semi) nuda fissità dei due protagonisti fa da contraltare il solo movimento della bandiera a stelle strisce – minimale pure quello – per tutta la durata della canzone. Un non-video.

Idea semplice ma geniale, stavo pensando tra me e me prima di notare che trattasi di un “official audio”, mentre il video ufficiale esiste e, purtroppo, si rivela inevitabilmente la cafonata che ci si aspetta da un’operazione di marketing di tale portata.

Chi invece l’ha pensata bene, è Zebra Katz, MC di New York che ha fatto un po’ un’operazione speculare. Una non-canzone (zero melodia, ritmo minimo, niente strofe e ritornelli) presentata con un video spettacolare e inquietante. Semplice e geniale: questa volta sì.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s