Foxygen – Take The Kids Off Broadway (Jagjaguwar)

Foxygen - Take The Kids Off BroadwayIo non so cosa sarà di questi due ragazzetti americani. Potrebbero fermarsi qui, come potrebbero dedicarsi a dare alla luce quel capolavoro che già oggi sembra nelle loro corde. In entrambi i casi, questo Take The Kids Off Broadway rimarrà una testimonianza indelebile di come e quanto sia ancora possibile giocare con i mostri sacri, con la tradizione, dove il tributo sfuma in quell’irriverenza iconoclasta a cui il rock’n’roll non dovrebbe mai rinunciare. Sam France e Jonathan Rado (22 anni a cranio) indicano la via e facendo il verso a Mick Jagger, David Bowie, Jimi Hendrix, ai Velvet Underground e a un sacco di altri intoccabili ci consegnano un vero diamante grezzo.
Quando e se vorranno provare a fare il passo oltre, i due Foxygen dovranno certo mettere un po’ di ordine in questo guazzabuglio di casino, ma questo mini lp resterà ugualmente una bellissima istantanea della loro sfrontatezza caotica e irriducibile.

5 thoughts on “Foxygen – Take The Kids Off Broadway (Jagjaguwar)

  1. Raccogliendo l’incipit del tuo post, e volendo giocare un po’, io metto lì una pizza e birra che si fermano qui. Mi sono divertito parecchio, il disco è fatto bene, mi piace il loro gioco e certamente possiedono ben più di quanto possano rivelare due semplici imitatori (talento?). Ma mi sembra che la strada che hanno scelto sia più un vicolo cieco che un tramite per il capolavoro. E se rimangono fedeli al “giocare con i mostri sacri” mi sa che meglio di così non si può fare, e se anche si potesse non porterebbe necessariamente al capolavoro. Anche perché io l’irriverenza iconoclasta non ce la vedo molto nel caso dei Foxygen, eh…

  2. Ben, in effetti, siccome sono musicalmente democristiano posso venirti incontro concedendo che “iconoclasta” era un po’ eccessivo. Però io l’irriverenza ce la sento e come. Quel passaggetto in cui Sam scimmiotta “Get Off Of My Cloud” degli Stones (che mi par sia proprio nel brano qui proposto) è pura presa per il culo. Affettuosa e spietata. E non è l’unico passaggio, ovviamente. Per quanto riguarda il “capolavoro”, invece come dici tu, le premesse in questione non rendono “necessario” l’esito, è vero, ma lo rendono possibile. Io ci spero.

    • Ma vedi com’è…io avevo scorto più un (inconscio, se vuoi) tributo che irriverenza in quei passaggi di cui parli. Forse perché l’età dei due l’ho quasi doppiata, e istintivamente mi ritrovo a diffidare di (o ad essere disilluso da) certi atteggiamenti.
      Comunque resta valida la pizza e la birra. Ci sentiamo alla prossima release dei giovani.

  3. Pingback: Foxygen – We Are The 21st Century Ambassadors Of Peace & Magic (Jagjaguwar) « sOUNDVERITE

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s