Puntata #66!

Fuck Buttons - Slow FocusI Fuck Buttons mi sono sempre piaciuti per la loro capacità di giocare con l’elettronica. Il loro suono è una sfida alle orecchie dell’ascoltatore che cerca di indovinare dove finisce il digitale e dove comincia l’analogico. L’impressione è che i due di Bristol si divertano a mischiare le carte in tavola deliberatamente, a prendere gli strumenti veri e farli suonare in modo sintetico e, viceversa, utilizzare i computer tentando di renderli il più “umani possibile”. È anche per questo che il loro suono, anche in questo Slow Focus, mantiene una tonalità fortemente psichedelica, per quanto più oscura rispetto al precedente e coloratissimo Tarot Sports. Ed è per lo stesso motivo che i Fuck Buttons rimangono un unicum all’interno del panorama elettronico attuale.

Fuck Buttons – “The Red Wing (edit)”

Playlist martedì 6 agosto 2013

Fuck Buttons Slow Focus (ATP)
“Prince’s Prize”
Jon Hopkins Imminuty (Domino)
“Breathe This Air”
Evenings Yore LP (Friends of Friends)
“Babe”
Koreless Yugen EP (Young Turks)
“Last Remnants”
Sebadoh Secret EP (Domino)
“Arbitrary High”
Grant Hart The Argument (Domino)
“Glorious”
Eleanor Friedberger Personal Record (Merge)
“Tomorrow Tomorrow”
Jackson Scott Melbourne (Fat Possum)
“Together Forever”

Colin Stetson: To See More Light (Constellation)

Colin Stetson - To See More Light

Che poi, come si legge dalla copertina, in realtà il titolo completo è New History Warfare Vol. 3: To See More Light. Ma a parte questi dettagli, è importante dire che questo terzo e conclusivo capitolo della trilogia è un album semplicemente necessario. Nel senso che bisogna ascoltarlo e, possibilmente, possederlo. Io passo la vita ad ascoltare dischi che sono per lo più passabili, a volte buoni, raramente ottimi. Non me ne lamento, per carità, è una mia scelta. Il punto è che lo scopo di questo spasmodico ascoltare tutto, o quasi, ciò che esce di nuovo, è proprio la speranza di riuscire a trovare un album come questo, dove l’intensità va di pari passo con l’audacia e l’urgenza. I sassofoni di Colin Stetson hanno un potere evocativo spiazzante. È un po’ come con i nastri di William Basinski: si sogna ad occhi aperti. A ben vedere, per la più parte del tempo non sembrano neanche sassofoni, o almeno io riesco a dimenticarmene. E a questo punto immagino dovrei lanciarmi in una descrizione di questo suono impossibile, ma non lo farò. C’ho già provato una volta e mi sono sentito abbastanza impotente. Preferisco lasciarvi al video qua sotto, anche se la mia raccomandazione rimane quella di ascoltare l’album intero. Tutto ciò è semplicemente inaudito.
Ah, ho dimenticato di dire che c’è anche Bon Iver che canta su diversi pezzi. Uno (“Who The Waves Are Roaring For”), bellissimo, lo firmano anche a quattro mani.

Blanche Blanche Blanche – Wooden Ball (NNA Tapes)

Blanche Blanche Blanche - Wooden BallI Blanche Blanche Blanche sono una coppia del Vermont. Sarah Smith e Zach Phillips da un paio d’anni pubblicano album con una frequenza improbabile che esprime bene la loro attitudine musicale, tutta improntata alla spontaneità e all’immediatezza. Ascoltando anche questo nuovo Wooden Ball, pare veramente improbabile che i due riescano a suonare la stessa canzone due volte nello stesso modo. Più che pop evoluto lo definirei anti-pop, arrangiato con strumentazione e strutture approssimative, dove le melodie si fanno largo a spintoni in un guazzabuglio di suonetti elettronici, rumori e dissonanze assortite. Lo spirito è quello del post-punk e certi languori profumano di new wave, ma il loro suono resta inafferrabile e obliquo. La voce di Sarah è sgraziata e si spinge sempre al limite della stonatura (e non di rado lo supera), eppure a tratti raggiunge momenti di puro struggimento in cui ci si ritrova, a sorpresa, senza preavviso e senza saper dire come ci si è arrivati.

Blanche Blanche Blanche – “Why The Candle Burns”

Sante Parole: Scott Walker

I’m not so in with the prescriptive avant-garde agenda. I can do that sort of thing, but I feel that I’m still interested enough in song structure. […] People keep reminding me I’m about a million miles away from [pop]. Every time I bring an album it’s like I’m bringing in the plague, once again. I don’t actually know what category it all falls into, but I’ve stopped worrying about it.

Scott Walker su pop e sperimentazione in una bella intervista via Pitchfork a proposito del nuovo Bish Bosch.

Puntata #30!

Deison - Quiet RoomsNel nuovo album di Deison tutto contribuisce a creare un atmosfera sinistra. È vero che anche il precedente Night Sessions (2011) evocava atmosfere oscure, ma i suoni brani suggerivano piuttosto un’intimità notturna che aveva un che di rassicurante. Quiet Rooms (Aagoo, 2012) già dalla copertina introduce un’inquietudine strisciante che si insinua e poi lavora per tutta la durante durata dei quattro lunghi brani. In realtà la cosa è nata un po’ da sé, come ci racconta lui stesso nella breve intervista che trovate a fondo post, anche se personalmente credo che nella composizione e nella produzione di questo lavoro il caso abbia giocato un ruolo piuttosto limitato.
Per chi si trova in zona Udine o ha voglia di fare qualche chilometro, è raccomandato il suo concerto di venerdì.

Playlist martedì 6 novembre 2012

John CaleShifty Adventures in Nookie Wood (Double Six)
“I Wanna Talk 2 U”
MoonfaceWith Sinaii: Heartbreaking Bravery (Jagjaguwar)
“I’m Not The Phoenix Yet”
DeisonQuiet Rooms (Aagoo)
“Room II (Lost Key)”
UnsaneWreck (Alternative Tentacles)
“No Chance”
The Soft MoonZeros (Captured Tracks)
“Machines”
Sweet ValleyEternal Champs (Fool’s Gold)
“Golden Gauntlet”
Why?Mumps, Etc. (City Slang)
“Kevin’s Cancer”
Mac DeMarco 2 (Captured Tracks)
“Robson Girl”
Taken By Trees – Other Worlds (Secretly Canadian)
“Dreams”

Deison – “Room IV (Air Conditioning)”

Deison – Interview

Mount Eerie – Clear Moon (P.W. Elverum & Sun)

Mount Eerie - Clear MoonPhil Elvrum è un personaggio difficile da inquadrare, artisticamente parlando. Molto simpatico e dotato di grande ironia dal vivo, la sua presenza sui media dà invece l’impressione di una persona schiva e determinata nel volersi tenere ai margini. Già con il progetto Microphones, in piena esplosione del fenomeno freak-folk, Phil si è trovato in odore di santità. Sarebbe probabilmente bastato prendersi un po’ più sul serio, smussare certe spigolosità del suo suono e puntare tutto sulle splendide e malinconiche melodie che sa confezionare per consacrarsi presso il grande pubblico, ma Phil ha perferito portare avanti un discorso più intimo e coraggioso. Mount Eerie da diversi anni continua a pubblicare album superlativi, come questo ultimo Clear Moon uscito a maggio che a settembre verrà raddoppiato dall’altrettanto valido Ocean Roar.
Cantautorato fine, kraut-rock, metal-gaze, la profondità della periferia americana, la vastità dell’oceano e l’inquietante fissità della foresta: tutto questo finisce negli album di Mount Eerie. Musica impossibile.

Boduf Songs – Internal Memo (Morc Tapes)

Boduf Songs - Internal memoSenza troppo girarci intorno, dirò che Mat Sweet ha pubblicato alcuni dei dischi più intensi e oscuri del cantautorato degli ultimi dieci anni. Se ne sono accorti in pochi, purtroppo, e del resto lui non ha mai fatto molto per guadagnarsi le luci della ribalta. La sua musica, come il suo autore, ama l’oscurità perché è lì che si riverberano meglio gli accordi metallici della sua chitarra. Boduf Songs merita a pieno titola l’etichetta di isolazionista, dal momento che i suoi dischi sono così avari di note, i riferimenti esoterici della sua estetica sono così criptici e le sue interviste così rare. Oggi ancor di più forse, dal momento che ha fatto sapere di aver lasciato la Kranky e di dare alle stampe questo nuovo ep solo attraverso la sua newletter. Se ne accorgerà qualcuno oltre al suo esiguo e fedelissimo seguito? Io mi auguro di sì.

Boduf Songs – “Internal Memo”