Puntata #56!

Sam Amidon - Bright Sunny SouthQuesto ragazzo del Vermont è dotato di una di quello voci che sono, letteralmente, in grado di possedermi. Una chitarra e un banjo, con la sua voce, sono sufficienti. Per questo nuovo Bright Sunny South, il primo per un’etichetta importante (Nonesuch), Sam Amidon si è lasciato andare ad arrangiamenti più complessi, ma senza rinunciare alla sua vocazione all’essenzialità. Per fortuna. A tratti fa capolino qualche divagazione discretamente jazzata o qualche crescendo orchestrale, ma ciò che resta in primo piano è sempre la sua voce con le sue melodie magicamente in bilico tra folk e soul. Un equilibrio precario e perfetto che viene idealmente bissato dalle atmosfere evocate, tutte giocate tra una malinconia profonda eppure in qualche modo scintillante, consolatoria.

Sam Amidon – “My Old Friend”

Playlist martedì 21 maggio 2013

Sam Amidon Bright Sunny South (Nonesuch)
“My Old Friend”
Sigur Rós Kveikur (XL)
“Ísjaki”
Múm Toothwheels (A Number of Small Things)
“Toothwheels”
Daft Punk Random Access Memories (Columbia)
“Doin’ It Right (ft. Panda Bear)”
Marnie Stern The Chronicles of Marnia (Kill Rock Stars)
“Noonan”
Tijuana Panthers Semi-Sweet (Innovative Leisure)
“Wall Walker”
Dirty Beaches Drifters/Love is The Devil (Zoo Music)
“I Dream In Neon”
Vampire Weekend Modern Vampires of The City (XL)
“Ya Hey”
GhostpoetSome Say I So I Say Light (Play It Again Sam)
“Plastic Bag Brain”

Sigur Rós – Brennisteinn (video)

Sigur Rós - KveikurAnnunciato per metà giugno, il nuovo album dei Sigur Rós si presenta temibile sin dalla copertina. Il singolo che anticipa Kveikur (e che lo apre) si intitola “Brennisteinn” e autorizza a pensare che il suono dilatato ed etereo della band islandese, toccato il suo apice con l’ultimo Valtari (2012), cederà il passo ad uno stile più ruvido e muscolare. Una sorta di ritorno alle origini… si spera con esiti migliori. Del resto i Sigur Rós amano cambiare ad ogni album e, fino a questo momento, non hanno mai deluso, mettendo in mostra un’incredibile capacità di rinnovarsi senza rivoluzioni né abiure. Attendiamo fiduciosi.

Sigur Rós – Leaning Towards Solace (video)

Va da se che la musica dei Sigu Rós è talmente evocativa e “cinematografica” che ci potrebbero recitare sopra la lista della spesa e riuscirei ad emozionarmi ugualmente. Ciò non toglie che questo Valtari Mistery Film Expertiment ha regalato più di qualche gioia. L’ultimo episodio segna il “ritorno” di Floria Sigismondi (che in realtà sta facendo un sacco di cose ma io me l’ero dimenticata).

Sigur Rós – Valtari (EMI)

Sigur Rós - ValtariVa riconosciuto alla band islandese il fatto di non essersi mai adagiata sugli allori. Il loro suono è sempre in cerca di nuovi possibili sentieri e, pur restando sempre immediatamente riconoscibile, ogni album esce con qualche importante novità. Valtari vede la luce oggi e al primo ascolto presenta una significativa svolta in senso “atmosferico”, con i brani che si allontanano dalla forma canzone per farsi più rarefatti e sfuocati. Ciò che resta in primo piano è adesso una sorta di distillato di quell’epos sinfonico tipicamente islandese che, se non è stato inventato da loro, certamente da loro è stato reso universale. Ottimo.