Troy Von Balthazar – … is With The Demon (Shellshock)

I ChokeboreTroy Von Balthazar - …Is With The Demon, a loro modo, sono stati un gruppo perfetto. Una band a cui ogni componente ha dato un contributo fondamentale e determinante. L’insistenza minimale e potente della sezione ritmica, le chitarre affilate come bisturi e, ovviamente, la voce di Troy Von Balthazar a conferire alla tristezza sad-core delle loro canzoni il marchio di una disperazione definitiva, senza redenzione possibile – tutto ciò li ha resi un’esperienza musicale unica e poco conta che oggi a ricordarli siano solo i pochi che li hanno amati e seguiti nella seconda metà degli anni ’90. Troy oggi continua a fare ottima musica, a cantare con la stessa vocazione a sporgersi sul vuoto.

Advertisements

Puntata #28!

Pinback - Information RetrievedDevo ancora metabolizzarlo bene, è vero. Però quando si tratta di una band che si è seguito da subito e per tanti anni, forse ci si può anche sbilanciare in un commento prematuro. Information Retrieved, il nuovo album dei Pinback, non mi entusiasma. E questo nonostante esca a cinque anni di distanza dal precedente e, soprattutto, nonostante il suono della band non sia cambiato affatto. La rotondità del suono, la ripetitività narcolettica di chitarre e batteria, l’attitudine alla melodia così splendidamente anni ’90, in breve: tutto ciò che ho amato nella musica di Rob Crow e Armistead Burwell Smith IV è ancora là. Ciò che manca, alla fine, sono proprio le canzoni che, salvo qualche notevole episodio, non sono proprio memorabili o quantomeno ai livelli cui ero abituato. Ne esce un album gradevole, ma nulla più. Peccato.
Restando su vecchie glorie di fine novanta, ne escono sicuramente meglio …And You Will Know Us By The Trail Of Dead anche se, pure per loro, si può dir tranquillamente che abbiano esaurito il “sacro fuoco” e vadano avanti con molta dignità e molto mestiere.

Playlist martedì 23 ottobre 2012

Mac DeMarco 2 (Captured Tracks)
“Ode To Viceroy”
Pinback Information Retrieved (Temporary Residence)
“His Phase”
Calexico Algiers (City Slang)
“Epic”
The Mountain Goats Trascendental Youth (Tomlab)
“Amy aka Spent Gladiator 1”
A.C. NewmanShut Down The Streets (Matador)
“I’m Not Talking”
…And You Will Know Us By The Trail Of Dead Lost Songs (Richter Scale)
“Catatonic”
Two GallantsThe Bloom and The Blight (ATO)
“My Love Won’t Wait”
EfterklangPiramida (4AD)
“Apples”
Gravenhurst The Ghost In Daylight (Warp)
“The Foundry”
How To Dress WellTotal Loss (Weird World)
“Talking To You”

Pinback – “His Phase”

Sante Parole: Eric Avery (Jane’s Addiction)

There was a good amount of naïveté in ’91. Lollapalooza was an experiment. I know I like Siouxsie and the Banshees and the Butthole Surfers and Ice-T, but who the fuck else does?

Il bassista a proposito dello spirito con cui nacque il Lollapalooza. Perry Farrell e altri protagonisti dello storico festival in un bell’articolo di SPIN.